Contraffazione dei componenti: come affrontarla?

Contraffazione dei componenti

Secondo un articolo apparso nel giornale Le Monde nel 2016, la contraffazione dei componenti elettronici causerebbe tra il 7 e il 10% di perdite per il settore su un fatturato totale di 309 miliardi di euro nel 2015, ovvero l'equivalente di 21-30 miliardi di euro. Dalla distruzione di un computer fino alla compromissione dell'integrità di sistemi complessi che costano vari milioni di euro, queste copie illecite rappresentano un rischio significativo per il settore.

Allo scopo di combattere contro questo fenomeno in crescita, i ricercatori e fabbricanti devono competere con i trafficanti nell'inventiva per trovare nuove contromisure e strategie.

Il mercato della copia illecita in piena crescita

Almeno un fabbricante di semi-conduttori su due si è trovato di fronte alla contraffazione delle sue tecnologie e la quantità di copie in circolazione sarebbe quadruplicata dal 2009. Dei costruttori aeronautici hanno recensito circuiti elettronici falsificati nel loro approvvigionamento: questi ultimi sembravano apparentemente autentici, ma in realtà erano vuoti. Nel 2010, l'esercito statunitense è stato il primo a denunciare questa ondata di componenti illeciti. Componenti difettosi hanno interrotto i sistemi di visione a infrarossi negli elicotteri, i sistemi di sbrinamento negli aerei di pattuglia o l'esposizione in volo di un aereo da trasporto.

Nel 2016 si parlava di una chiavetta USB killer che distruggeva i computer. Questa è dotata di un convertitore DC-DC e di condensatori che si caricano alla connessione per inviare una scarica che distrugge i componenti di un PC. La chiavetta killer ripete questa operazione fino a quando l'obiettivo è raggiunto. Una società con sede a Hong-Kong ha riprodotto questa chiavetta e la mette in vendita. Questa sarebbe destinata ufficialmente ai consulenti specializzati nella sicurezza informatica.

I componenti elettronici difettosi sono problematici per varie ragioni evidenti:

  • Rischio di ferite e rischio letale per alcuni settori (medico, militare, automobilistico)
  • Rischio di incendio in caso di corto-circuito
  • Prestazione alterata del prodotto
  • Costo significativo e perdite di profitto per l'industria

Per copiare i componenti, i falsari utilizzano varie tecniche. Possono tentare di ottenere piani di componenti elettronici attraverso vari mezzi di spionaggio o di reverse engineering per scoprire i loro segreti.

Perché le contraffazioni inondano il mercato

I media parlano spesso della contraffazione nell'industria di lusso, ma tutti i settori sono interessati in misura maggiore o minore, con rischi per la sicurezza che variano a seconda del prodotto. A differenza del settore di lusso, nel caso dell'industria militare, aeronautica, automobilistica o ancora medica, il diritto di commettere errori non è consentito.

Esistono varie ragioni per l'ascesa dei componenti elettronici plagiati:

  • La globalizzazione ha permesso di ridurre considerevolmente i costi di accesso alla tecnologia
  • L'esternalizzazione della produzione in Asia ha facilitato i trasferimenti di tecnologia
  • L'interoperabilità dei sistemi operativi nell'IT ha permesso la diffusione di massa delle informazioni
  • I giganti del trasporto merci hanno adattato la loro offerta per rendere accessibile la spedizione di pacchi di piccole dimensioni
  • La contraffazione proviene anche dalla produzione di rifiuti elettronici inviati dai paesi industrializzati verso i paesi in via di sviluppo. I contraffattori sfruttano questi rifiuti come materia prima per realizzare copie illecite di componenti.

Tecniche utilizzate dai fabbricanti illeciti: unità non funzionanti, sabbiatura e rimarcatura, blacktopping, sostituzione dei dispositivi, utilizzo di scarti, falsificazione dell'etichettatura, eccetera.

Combattere contro la contraffazione: il controllo dei componenti

Controllare i componenti

La prima cosa da fare consiste nell'effettuare una batteria di test e di controlli sui componenti elettronici per assicurarsi della loro integrità (AOI, test elettrici, di impedenza, metallografici o a raggi X).

La macchina a raggi X permette di realizzare un'ispezione precisa e non intrusiva di stampi, saldature e la rilevazione della delaminazione. È sufficiente in seguito comparare le specifiche del fabbricante per verificare l'autenticità del componente. Nella stessa logica, il test elettrico sui componenti sospetti dà una tolleranza che si può confrontare con i dati del costruttore. Se lo scarto è troppo grande, bisogna effettuare un'investigazione più approfondita.

Anche misurando altezza, lunghezza e larghezza, e comparando poi le specifiche del costruttore, si può dedurre se il componente è contraffatto oppure no.

Individuare il Blacktopping

Spesso utilizzato dai falsari, il Blacktopping consiste nel nascondere il numero di serie originale e poi ristampare un altro marchio per ingannare l'acquirente. Il rilevamento è impossibile a occhio nudo, ma un occhio allenato sarà in grado di individuare le frodi al microscopio. L'utilizzo di acetone può anche essere utilizzato per ritirare la falsa marcatura.

Decapping

Come ultimo rimedio, lo smontaggio del componente implica un'operazione intrusiva, quindi distruttiva. Tuttavia, questo procedimento resta l'ultima soluzione per vedere cosa c'è all'interno di un componente quando tutti gli altri test non hanno permesso di assicurare la sua conformità. Si utilizza un potente microscopio per ispezionare la marcatura del costruttore, le parti difettose, la tipografia e l'autenticità dei numeri di serie.

Combattere contro la contraffazione a monte

Comprare direttamente dal costruttore

Rifornirsi direttamente dal costruttore sembra una soluzione affidabile per limitare al massimo il rischio: la moltiplicazione degli intermediari diminuisce la trasparenza e aumenta il rischio.

Conoscere bene il proprio fornitore

Il GIDEP per Government – Industry Exchange Program è una banca dati di componenti sospettati dall'industria nordamericana di essere contraffatti.

Ci sono altri punti da controllare per garantire l'integrità del vostro fornitore:

  • Il vostro fornitore divulga l'elenco dei suoi fornitori per la massima trasparenza?
  • È conforme alla norma internazionale AS6081 sulla frode e la contraffazione dei componenti elettronici?

Il vostro fornitore si assicura di realizzare i test minimi richiesti dalla norma internazionale AS553A?

condividi questo Protonews:

Ordinate i vostri prototipi con pochi clic !

Iniziate il vostro progetto